Dimagrire facile: 6 modi per spegnere gli ormoni che sono responsabili dell’aumento di peso

loading...

 

Ci sono 7 diversi ormoni che sono stati associati con l’aumento di peso, e una volta capito come funzionano nel vostro corpo, è possibile disattivare il loro potere per farvi dimagrire.

Le ragioni dell’aumento di peso possono spesso sembrare di essere la causa di ciò che sta accadendo nella nostra vita che ci causa lo stress. A volte, anche se guardiamo ciò che mangiamo e facciamo l’esercizio fisico, ci sentiamo impotenti vedendo che i nostri sforzi non portano risultato sperato, nostro peso aumenta ed è fuori controllo.

6 modi per spegnere gli ormoni dell’aumento di peso

Dimagrire facile

Dimagrire facile

Mangiare un sacco di PROTEINE

La grelina è fatto nel sistema digestivo, e si chiama l’ormone della fame perché aumenta l’appetito quando il vostro corpo ha bisogno di energia. Essere in grado di sopprimere gli effetti della grelina ci aiuterebbe a disattivare questo ormone, che porta solo ad aumento di peso.

La ricerca pubblicata nel l’American Diabetes Association ha rilevato che ‘la somministrazione di grelina stimola la secrezione di GH, ma provoca anche un aumento di peso, aumentando l’assunzione di cibo e di ridurre l’utilizzo dei grassi. I ricercatori hanno esaminato i livelli di ormone delle persone magre e obese. Essi hanno scoperto che la grelina è stato trovata in concentrazioni più basse nelle persone obese rispetto alle persone magre.

Per spegnere il ormone grelina e non aumentare di peso, fare una dieta ricca di proteine ​​e di evitare cibi ad alto contenuto di grassi. Le proteine ​​aiutano a sopprimere la produzione di grelina nel sistema digestivo e impediscono di mangiare di più di conseguenza anche, aumento di peso.

La serotonina è un ormone secreto dal sistema nervoso centrale e dalle cellule dell’intestino. Livelli ottimali di serotonina favoriscono il senso di sazietà e diminuiscono la “fame” di carboidrati (dolci, pasta, pane); la serotonina è anche detta ormone del buonumore: un suo deficit è correlato a disturbi dell’umore e della sfera psichica. Bassi livelli di serotonina favoriscono la dipendenza da zuccheri, dolci e carboidrati, innescando il perverso meccanismo che spesso sfocia in episodi di bulimia: immediata euforia a seguito del consumo di dolci, successivo abbassamento del tono dell’umore, compulsione verso carboidrati, abbuffata, nuova euforia transitoria.
Un precursore della serotonina è il triptofano, aminoacido che si trova in molti alimenti come ad esempio banana, avocado, miglio e amaranto: il loro consumo, in particolar modo la sera, permette di avere una buona secrezione di serotonina e migliora la qualità del riposo notturno.

Lo zucchero dalla vostra dieta

Lo zucchero è subdolo perché si presenta in molte forme e in molti alimenti. Come liberarsi di esso può essere una sfida nella lettura dell’etichetta. Tuttavia, può essere la cosa migliore che potete fare per spegnere il peso e aumento di insulina.

L’insulina è più strettamente associata con il diabete, la malattia, che colpisce milioni di persone in tutto il mondo. Il pancreas produce insulina per contribuire a digerire gli zuccheri che si mangia. Alti livelli di insulina nel sangue possono influenzare la probabilità di aumento di peso.

L’insulina aiuta il glucosio di essere assorbito dalle cellule e memorizzato sotto forma di energia, che è il motivo per cui si può aumentare di peso quando si introduce più zucchero nella vostra dieta. Memorizzazione di energia nelle cellule di grasso non è quello che ti serve quando si desidera disattivare l’aumento di peso.

L’insulina e il glucagone, secreti dal pancreas, permettono di mantenere stabile la glicemia; un eccesso di zuccheri semplici determina un’iperinsulinemia che protratta nel tempo favorisce infiammazione e diabete. Non solo: squilibri della glicemia portano ad aumentato senso di fame, intorpidimento, stanchezza, mancanza di concentrazione. Anche questa condizione è favorita da un’alimentazione troppo ricca di zuccheri e carboidrati raffinati.

Mangiare meno LATTICINI

Latte o derivati ​​non sono necessariamente un mezzo sicuro per evitare ormoni aggiuntivi che possono causare aumento di peso. Il settore lattiero-caseario sta rispondendo alle pressioni dell’opinione pubblica per fornire prodotti lattiero-caseari per i consumatori, sulla base di una ricerca che dimostra che mangiare ormoni animali può innescare lo sviluppo precoce nelle ragazze adolescenti e ragazzi.

Nei latticini oltre alle proteine animali vi sono vari residui ormonali, che influenzano il meccanismo di controllo della stabilità ossea, pensiamo che in una donna la quantità totale di ormoni prodotti nell’arco della vita media, estrogeni, progestinici non supera il cucchiaino, ora pensiamo agli ormoni presenti nel latte come residui e facciamo due conti: se sono ormoni not self e in quantità elevata, il nostro organismo oltre a non riconoscerli smette di produrli, modificando tutta le catena fisiologica di controlli degli steroidei naturali, con influenze negative sul ciclo ovario, sulla fertilità e sulle manifestazioni cicliche più o meno alterate.
Se ciò accade si ricorre di nuovo agli stessi ormoni di sintesi, per sopperire ad una mancanza, per far riprendere forzatamente le funzioni riproduttive normali, con esiti e controindicazioni sotto gli occhi di tutti: riduzione della fertilità, degenerazione neoplastica a vari livelli dal seno, all’utero, alla prostata ai testicoli.

EVITARE Prodotti di soia

Le donne in fase di menopausa sperimentano una naturale diminuzione di estrogeni che il loro corpo produce normalmente. Come risultato degli estrogeni, aumenta il grasso corporeo con la diminuzione degli estrogeni. Prodotti di soia contengono fitoestrogeni, che possono bloccare l’estrogeno umano normale nel corpo.

Gli estrogeni hanno un ruolo nella produzione di leptina. La leptina è uno degli ormoni più importanti per spegnere l’aumento di peso perché regolano la sazietà. Se non ci sentiamo soddisfatti o sazi, continueremo a mangiare, anche se in realtà non abbiamo bisogno di mangiare.

I ricercatori che studiano il ruolo degli estrogeni sui livelli di leptina hanno scoperto che ‘Negli esseri umani, la concentrazione di leptina sierica è stata maggiore nelle donne in  che negli uomini, e nelle donne in postmenopausa è stata inferiore, ma ancora superiore rispetto agli uomini.’

Gli stessi ricercatori hanno scoperto che nelle donne in premenopausa, i livelli di leptina nel siero erano significativamente più alti nella fase luteale o la parte successiva del loro ciclo mestruale. Questa ricerca suggerisce che l’aumento dei livelli di estrogeni attraverso cambiamenti nella dieta potrebbe contribuire ad aumentare della produzione di leptina, che può aiutare a spegnere l’aumento di peso.

Gli estrogeni, ormoni sessuali femminili, hanno un equilibrio strettamente collegato a quello dell’insulina, tale per cui un eccessivo consumo di alimenti iperinsulinemici (zuccheri, dolci, latte e latticini) è in grado di favorire alti livelli di estrogeni nel sangue attraverso un meccanismo di insulino-resistenza. Troppi estrogeni circolanti sono causa di numerosi disturbi della sfera femminile: ansia, ritenzione idrica, eccesso di grasso a livello di fianchi e gambe, irsutismo, fino ad arrivare a vere e proprie patologie come l’ovaio micropolicistico. Alimenti come legumi, olio extravergine d’oliva e frutta secca aiutano a creare un buon bilancio tra insulina ed estrogeni.

Ridurre lo stress e caffeina

L’ormone cortisolo dello stress viene rilasciato quando siamo frustrati, sopraffatti o ci sentiamo bloccati. Lo stress di mangiare è reale e le persone che fanno la dieta, rischiano soprattutto sui cosiddetti ‘cibi conforto “per essere impegnati in un modello distruttivo di comportamento che porterà ad un aumento di peso.

Piuttosto che permettere lo stress di dettare legge quando si mangia, cercare di ridurre le fonti di stress nella vostra vita per ridurre i livelli di cortisolo nel vostro corpo. Se il lavoro è travolgente, delega che qualcun altro ti aiuti a gestirlo. Se la tua vita a casa è stressante, siediti fuori nella natura per 5 minuti respirando profondamente per rilassarsi e ricaricare.

I livelli di caffeina possono anche aumentare il livello di cortisolo che viene rilasciato nel vostro corpo. Spegnere l’aumento di peso, riducendo l’assunzione di caffeina e il cortisolo.

Il cortisolo, prodotto dalle ghiandole surrenali, è l’ormone dello stress: la sua secrezione è favorita ancora una volta dall’eccesso di insulina e quindi da un’alimentazione troppo ricca di zuccheri e carboidrati raffinati come pasta e pane da farina bianca. Anche un’alimentazione iperproteica determina un innalzamento dei livelli di cortisolo: ecco perché si dice che mangiare troppa carne faccia diventare nervosi e facilmente irascibili.

ELIMINARE GRANO

Il consumo di grano è stato collegato con rallentamento della produzione di ormone tiroideo. Ridurre il consumo di cereali nella dieta può aiutare a regolare i livelli di ormone della tiroide e spegnere l’aumento di peso.

La tiroide è uno dei fattori più importanti da considerare quando si esamina l’aumento di peso. Verificare con il proprio medico per avere i livelli della tiroide controllati se si sospetta che il guadagno di peso è causato da una ghiandola della tiroide che funziona male.

Gli ormoni tiroidei sono strettamente legati all’efficienza del metabolismo: una condizione di ipotiroidismo rallenta il metabolismo basale e favorisce l’accumulo di grasso; l’ipertiroidismo, al contrario, porta a magrezza patologica con perdita di massa muscolare. Senza arrivare a livelli di patologia conclamata, i livelli degli ormoni tiroidei possono propendere verso l’una o l’altra condizione. Lo iodio, nutriente essenziale, stimola l’azione della tiroide ma quando è in eccesso porta alla mancata funzionalità della ghiandola e ad un blocco del metabolismo: molti integratori finalizzati al dimagrimento contengono grandi quantità di iodio, ma la loro assunzione protratta nel tempo è assolutamente da sconsigliare. Benché nel breve termine funzionino, sul lungo termine portano inevitabilmente a disfunzioni tiroidee. Anche le alghe contengono alte percentuali di iodio, dunque si sconsiglia la loro assunzione a persone che soffrono di patologie alla tiroide.

Poco sale

L’ADH o vasopressina, secreta dall’ipotalamo, è coinvolta nel bilancio dei liquidi corporei e della pressione arteriosa: nel contesto di un’alimentazione non equilibrata, l’ADH favorisce il fenomeno della ritenzione idrica e dell’ipertensione. Un aspetto interessante di quest’ormone è che viene secreto in misura maggiore quando l’introito alimentare di sodio (dunque di sale) è minore, ovviamente mantenendosi entro un range fisiologico: meno sale introduciamo, più alti sono i livelli di ADH. Questo è il motivo per cui quado una persona che normalmente usa poco sale va al ristorante, dove di certo non lesina sul sale, si ritrova con una ritenzione di liquidi maggiore rispetto a chi è abituato a mangiare salato. In ogni caso si tratta di una condizione transitoria: limitare il consumo di alimenti ricchi di sale è sempre da consigliare, dal momento che sul lungo termine il sale favorisce ipertensione, eccessivo carico renale, perdita di calcio osseo (prodromo dell’osteoporosi).

Una dieta squilibrata o un’alimentazione non salutare portano a un peggioramento delle condizioni di salute, ad un aumentato rischio di patologie e ad un cambiamento del tono dell’umore.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

loading...